5 modi per iniziare un sito che funziona

3 modi per iniziare un sito che funziona

Non c’è una legge scritta, ma solo alcuni modi per iniziare un sito che funziona, una volta messo online e una volta messe le mani per alimentarlo e coltivarlo, nel tempo.

Ne ho raccolti e raggruppati 3 che, per me che faccio siti, sono importantissimi, ma ancora più importanti per te che vuoi un sito che ti rappresenta e che inizi a macinare visite, commenti e contatti.

Inizia un percorso di personal branding

Fino a 6 anni fa non sapevo nemmeno io cosa fosse e cosa significasse il personal branding. Da quando mi sono avvicinata, la mia attività è cambiata radicalmente, in meglio.

Wikipedia lo riassume così: Il personal branding è un processo attraverso cui una persona definisce i punti di forza (conoscenze, competenze, stile, carattere, abilità, ecc.) che la contraddistinguono in modo univoco, creando un proprio marchio personale, che comunica poi nel modo che reputa più efficace.

E lo riassume molto bene. Il personal branding è un percorso di consapevolezza di sé, che ti aiuta a fare chiarezza come persona e come persona nel tuo business per capire chi sei, cosa fai, perchè e per chi.

Che, dette così, sembrano 4 frasi banali alle quali dare una risposta semplice e breve, ma in realtà ti fanno entrare nel profondo e ti mettono in discussione. Come dico spesso: è come entrare in una lavatrice! Per questo motivo il mio consiglio è quello di farsi affiancare da esperti perchè facendo da soli c’è il rischio di perdersi e non avere un reale beneficio.

Da quando ho fatto il primo percorso di personal branding, la mia attività è cambiata radicalmente, in meglio.

Finalmente avevo capito cosa volevo fare e cosa no, per chi e in che modo.

Se nel 2006, anno in cui ho aperto P.IVA, fosse esistito il personal branding mi sarei risparmiata un bel po’ di problemi, cattive scelte e clienti non in target con i miei valori.

Poche idee, chiare e buone

Per far decollare un sito, cioè per farlo posizionare bene online e comunicarlo al meglio, è necessario avere (almeno per ora, che sei all’inizio) pochi idee, chiare e buone.

Pochi servizi, ma di punta. Così facendo hai modo di farli testare al tuo pubblico, vedere come risponde e in caso, di modificarli sulle loro esigenze che in fase di definizione del tuo cliente ideale, magari, non avevi colto o tralasciato.

Se dai molta scelta alle persone che visitano il sito, quindi molti servizi da leggere e da capire, solitamente queste persone evitano di scegliere perchè entrano in confusione e perciò escono dal sito.

Lo dice anche Gordon Ramsay  quando si tratta di creare il menu del proprio ristorante: meglio pochi piatti sul menù, ma cucinati divinamente. Tradotto per noi:

Meglio pochi servizi, scritti e comunicati divinamente per il tuo pubblico.

Questa massima è da prendere alla lettera, per non creare panico nei clienti che si sentiranno sopraffatti dalla moltitudine di piatti (o servizi) e inizieranno a provare un senso di indecisione e sconforto se non hanno le idee ben chiare, su cosa scegliere o come risolvere il proprio problema.

Una buona strategia web marketing

Se dopo tutto

  • il lavoro di personal branding per capire chi sei, cosa fai e per chi e
  • il lavoro di ideazione servizi, alberatura e scrittura dei contenuti per iniziare a vendere

non lo dici a nessuno e lo tieni tutto per te, avrai fatto tutto per nulla. Se non lo comunichi o non lo sai comunicare, sarai e resterai sempre invisibile.

Se non comunichi, non esisti.

Una buona strategia web marketing è quella basata sull’organizzazione e la comunicazione dei tuoi contenuti online, usando più mezzi di distribuzione, come ad esempio:

  • il tuo blog (la creazione di un calendario editoriale)
  • il canale social che frequenta più presso il tuo target (creazione di un calendario social)
  • il tuo canale YouTube con video periodici dove ti racconti o come fai quello che fai
  • il tuo account Spotify o Spreaker per divulgare podcast sul tuo lavoro

Applichi anche tu questi modi per far funzionare il sito?

Come vedi, nei modi per iniziare a far funzionare un sito, non ho indicato come scegliere il/la web designer, quale hosting o template WordPress usare, né quale nome a dominio registrare.

Questi aspetti, più che altro tecnici, vengono sempre dopo perchè non possono far nulla senza tutto il resto.

Se non sai chi sei, cosa fai, per chi e come comunicarlo, sapere già ora il tema da usare o quale dominio registrare, non ti aiuterà in nessun modo nel far funzionare il sito perchè non saprai cosa e come comunicare.

Cosa ne pensi? Anche tu hai iniziato applicando i 3 modi oppure hai agito in modo diverso. Raccontamelo qui sotto nei commenti.

Vuoi capire come far funzionare sul serio il sito?

Scarica la ricetta perfetta

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito:

✔ Il mini corso gratuito La ricetta perfetta per il sito, un’email al giorno per 6 giorni, molto pratica per capire cosa sta dietro un sito, per realizzarlo bene e farlo funzionare sul serio.

✔ L’accesso illimitato alla tua area riservata Assaggi di WordPress con corsi, guide ed esercizi gratuiti per fare del tuo sito uno strumento di lavoro che vende.

✔ In più, una volta al mese, hai accesso ai miei consigli pratici per gestirlo bene, storie nuove, anticipazioni e cose belle!

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento