Il mio sito non compare su Google

Il tuo sito non compare su Google

Hai fatto una ricerca online e hai visto che il tuo sito non compare su Google? Esistono diversi fattori e diverse casistiche perchè questo (ahimè) succede. Oggi le vediamo in questo articolo.

Da quanto tempo hai pubblicato online il sito?

Lo ripeto sempre, se pubblichi oggi il tuo sito, l’indicizzazione su Google non è immediata. Non è come spingere un bottone ed accedere la luce. Se il sito è online da due ore (interruttore su ON) è assolutamente normale che non compaia su Google.

Serve tempo, lavoro, costanza e pazienza.

Se invece il sito è online da diversi mesi e ci stai lavorano da tempo, con costanza e su Google continua a non comparire, allora molto probabilmente stai sbagliando qualcosa nell’ottimizzazione del tuo sito e non stai facendo correttamente una buona SEO.

Serve, quindi, capire dove stai sbagliando per iniziare sul serio a migliorarne l’indicizzazione e il posizionamento del tuo sito.

Inserisci la sitemap nella Google Search Console

La sitemap è un file .xml che puoi generare con alcuni plugin o tools online come ad esempio WordPress SEO by Yoast o Google Sitemap XML.

È un suggerimento utile per Google perchè in questo modo gli comunichi, innanzitutto, che c’è un nuovo sito online e gli fai capire come è composto, da quante pagine, articoli, categorie, tag e cosa succede (o succederà) sul tuo sito.

La creazione della sitemap è una delle azioni principali da svolgere per una buona SEO (Search Engine Optimization) per agevolare e velocizzare l’ottimizzazione del tuo sito su Google.

Per aggiungere la tua sitemap devi iscriverti su Google Search Console e comunicare lì, il file sitemap.xlm che hai generato precedentemente dal plugin WordPress SEO by Yoast.

Ecco dove trovare la tua sitemap su WordPress.

Come generare la sitemap dal plugin Yoast SEO

Hai scelto parole chiave troppo competitive oppure non realmente cercate dal tuo target

Per individuare le parole chiave per il tuo sito è necessario fare la keyword research cioè lo studio delle keyword per capire quali sono quelle parole chiave che sono state realmente cercate su Google dal tuo target e, dietro le quali, si cela sempre un suo reale bisogno da soddisfare.

Se sul tuo sito, nelle tue pagine e soprattutto negli articoli del blog, vai ad inserire delle parole chiave che secondo te (a sentimento o a intuito) potrebbero andare bene per il tuo target, senza verificare che effettivamente lo siano, allora questo è sicuramente il primo motivo per il quale il tuo sito non compare su Google.

Individuare delle buone parole chiave è il primo fattore decisivo per una buona indicizzazione del sito su Google. Ecco i passaggi per iniziare a fare una buona ricerca per le tue parole chiave (keyword research):

  • Step 1: Trovare idee per le eventuali parole chiave che il tuo cliente potrebbe cercare online per risolvere il suo problema o soddisfare il suo bisogno, visualizzare le ricerche correlate e le keyword consigliate
  • Step 2: Testare queste keywords, una ad una, su strumenti gratuiti e/o a pagamento (Google Suggest, Semrush, SEOZoom, ecc) che mettono a confronto il numero di ricerche mensili di queste parole chiave e la loro difficoltà, cioè, per quella keyword, quanto risulta difficile posizionarla online
  • Step 3: Scegliere una singola parola chiave da abbinare ad ogni singola pagina e articolo del sito; questo passaggio lo puoi fare iniziando ad imparare ad usare il plugin WordPress by Yoast SEO.

Il tuo sito compare su Google?

Se sì, hai fatto un ottimo di lavoro di contenuti e SEO.

In caso contrario, puoi iniziare a mettere in pratica, uno alla volta, i suggerimenti che ti ho indicato qui, in questo articolo. Se applicati in modo corretto e costanza, vedrai sicuramente dei buoni risultati per far sì che il tuo sito compaia su Google.

Vuoi capire come far funzionare sul serio il sito?

Scarica la ricetta perfetta

Iscriviti alla newsletter e ricevi subito:

✔ Il mini corso gratuito La ricetta perfetta per il sito, un’email al giorno per 6 giorni, molto pratica per capire cosa sta dietro un sito, per realizzarlo bene e farlo funzionare sul serio.

✔ L’accesso illimitato alla tua area riservata Assaggi di WordPress con corsi, guide ed esercizi gratuiti per fare del tuo sito uno strumento di lavoro che vende.

✔ In più, una volta al mese, hai accesso ai miei consigli pratici per gestirlo bene, storie nuove, anticipazioni e cose belle!

Non ci sono commenti

Lascia un tuo commento